Giovedì 22 Agosto 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Salerno: infermiere e agente aggrediti da detenuto nella medicheria del carcere PDF Stampa
Condividi

di Petronilla Carillo

 

Il Mattino, 8 gennaio 2015

 

Un infermiere preso a pugno e un agente della polizia penitenziaria spedito in ospedale con una prognosi di dieci giorni per un problema al ginocchio. È l'esito dell'ennesima violenza avvenuta all'interno del carcere di Fuorni dove un detenuto ha picchiato i due uomini per "futili motivi".

È accaduto domenica scorsa ma soltanto ieri il fatto è stato denunciato dal segretario regionale del Sappe, Emilio Fattorello. Il detenuto in questione è di quelli definiti in lessico detentivo, "giudicabili", in carcere per reati comuni. Secondo la ricostruzione fatta dagli agenti della penitenziaria, l'uomo era finito in infermeria per essersi ustionato con l'acqua bollente mentre, in cella, preparava la pasta. Così è stato soccorso dall'agente poi ferito e da lui accompagnato in medicheria.

Qui, una parola tira l'altra, ha avuto un diverbio con l'infermiere per futili motivi e lo ha pestato con calci e pugni. L'agente penitenziario se n'è accorto ed è intervenuto ma il detenuto lo ha violentemente spinto causandogli problemi alla gamba, per i quali nei prossimi giorni sarà sottoposto ad ulteriori accertamenti.

"È nell'ennesimo atto di violenza all'interno del carcere di Fuorni - denuncia il segretario regionale Sappe, Emilio Fattorello - uno dei tanti. E tutto ciò perché, nonostante le nostre ripetute denunce, nulla si muove e l'organico resta sempre sottodimensionato". Per Fattorello la situazione a Fuorni è al collasso: "Sono almeno 25 le unità mancanti e in più c'è anche un problema organizzativo. Nel senso che ancora non siamo stati convocati dalla dirigenza per approntare un adeguato programma di organizzazione del lavoro, condizione indispensabile per garantire una maggiore qualità nell'attività professionale e una maggiore tutela e sicurezza sul posto di lavoro per il nostro personale".

E prosegue: "Non è la prima volta che a Salerno accadono episodi di questo tipo. Anzi. Spesso i nostri agenti si ritrovano anche a dover gestire detenuti con problemi psichiatrici. E se questa è la situazione nel carcere di Fuorni, non mancano i problemi a livello di amministrazione centrale: ancora non è stata istruita la pratica per il riconoscimento al collega delle lesioni riportate in servizio".

 
Fermo (Ap): i detenuti si raccontano nel giornale "L'Altra chiave news", uscito nuovo numero PDF Stampa
Condividi

www.informazione.tv, 8 gennaio 2015

 

È uscito in questi giorni il quarto numero de "L'Altra chiave news", la rivista realizzata da alcuni detenuti nella casa circondariale di Fermo. Tema di questo numero, la vita tra dentro e fuori, il racconto di chi sta vivendo misure alternative per scontare la propria pena e di chi tenta la difficile ricostruzione di un percorso di vita positivo. Le fotografie portano la firma di Andrea Braconi che ha saputo catturare immagini in bianco e nero di grande impatto emotivo, i testi sono realizzati dagli stessi detenuti, una decina, che hanno chiesto di far parte della redazione.

Grande la soddisfazione della direttrice del carcere, Eleonora Consoli, che parla di una iniziativa che aiuta i detenuti a lavorare sul loro destino: "Siamo riusciti anche ad avere qualche risultato concreto, i detenuti lavoranti hanno avuto la possibilità di dipingere le camere detentive e la sezione, le prime di bianco e la seconda di un colore che dà luce. Con i fondi avuti dal Provveditorato regionale abbiamo aperto un locale comune per i detenuti del primo piano che non avevano spazi per la socialità e stiamo sistemando il tetto della palestra che nei giorni di pioggia creava problemi. Tra tante difficoltà si va avanti e i risultati si vedono".

Intanto sono appena trascorse le feste di Natale, l'ultimo giorno dell'anno è passata in visita ai detenuti il consigliere regionale Letizia Bellabarba che ha voluto augurare un anno migliore al gruppo della redazione de L'Altra chiave news. Una visita che i detenuti hanno particolarmente apprezzato: "L'abbiamo sentita veramente solidale e sincera, ha speso un po' del suo tempo in questi giorni di festa per noi e gliene siamo grati davvero, ci ha detto che apprezza molto gli sforzi che facciamo per reagire nel modo più positivo possibile a questa situazione. Già tante volte è stata tra noi per ascoltare le nostre esigenze e le difficoltà e per noi la sua vicinanza è importante, ci fa sentire persone come tutti e come tutti degni di attenzione".

 
Pisa: Ben e Buffy, nel carcere Don Bosco per regalare un sorriso ai detenuti PDF Stampa
Condividi

di Alessio Ante

 

La Nazione, 8 gennaio 2015

 

Questo è il lavoro di Ben e Buffy, la sensazione di libertà che sanno donare gli amici a 4 zampe di Do Re Miao. Vanno nel carcere Don Bosco a confortare i detenuti, sono i nostri amici a quattro zampe. "Ben e Buffy, due bellissimi Golden Retriever di 10 anni che fanno veri e propri miracoli - racconta Barbara Bollettini, presidente dell'associazione " Do Re Miao" che con orgoglio dichiara - il cane non ti chiede chi sei, cosa hai fatto o perché sei in prigione. Non ti giudica, ma offre ai detenuti la sua amicizia". Da anni infatti l'associazione ed i cani affiancano con costanza chi, ospite forzato del carcere Don Bosco, ha deciso di ripartire da zero. Basta una carezza, a volte, o qualche esercizio con Ben, Buffy ed i loro conduttori Flavio Langone e Francesco Romano, per avere la sensazione di libertà oltre le sbarre.

"Un ragazzo che prima di conoscere la nostra associazione aveva sempre rifiutato di seguire qualsiasi attività all'interno del carcere - continua la dottoressa Bollettini - quando ha conosciuto i nostri cani qualcosa è cambiato in lui. Qualche tempo dopo ha ottenuto gli arresti domiciliari e, grazie ai volontari e al direttore del carcere, gli è stato concesso il permesso di uscire per accompagnare i cani, chiaramente in orari stabiliti e controllati. Forse, senza Ben e Buffy, quel ragazzo sarebbe ancora vittima del clima di solitudine che attanaglia i carcerati.

 
Varese: "Dona un francobollo", aiuta un detenuto a spedire una lettera ai suoi cari PDF Stampa
Condividi

www.varesenews.it, 8 gennaio 2015

 

Chi è in carcere non può utilizzare internet, mail e sms. L'unico modo per comunicare i sentimenti privatamente è la tradizionale lettera di carta. Il progetto "Dona un francobollo" serve a questo Chi è detenuto in carcere non può utilizzare internet, mail e sms. Può utilizzare il telefono solo per dieci minuti alla settimana e avere colloqui per un totale di 6 ore al mese. L'unico modo per comunicare i sentimenti privatamente con i famigliari è la tradizionale lettera di carta.

Il progetto "Dona un francobollo" serve a questo, un gesto semplice che può dare felicità ai detenuti. Per chiunque volesse contribuire si può lasciare il francobollo nell'apposita cassetta presso il carcere dei Miogni di Varese, consegnarlo ai volontari o al cappellano del carcere don Marco Casale presso la segreteria della parrocchia della Brunella (via Marzorati 5 Varese, dal lunedì al sabato dalle 10 alle 12 dalle 16 alle 18).

Nel caso si vogliano dare contributi e offerte economiche è possibile farlo a questo Iban: IT11P0306910810000028365132. Intesa San Paolo. L'associazione assistenti carcerari e il cappellano promuovono altre attività come la raccolta di vestiario maschile, prodotti per l'igiene personale e di cancelleria, oltre al corso di italiano per detenuti stranieri, la redazione del notiziario "9m news", la catechesi, l'animazione della messa domenicale e progetti per la manualità.

 
India: per i marò la giustizia indiana funziona con bastone e carota PDF Stampa
Condividi

di Antonio Angeli

 

Il Tempo, 8 gennaio 2015

 

Prima la "linea dura", poi la mano tesa in modo umanitario: la giustizia Indiana continua (ormai da molto tempo) a sferzare i nostri marò, Latorre e Girone, e poi a rassicurarli, con dimostrazione di amicizia. Un copione che va avanti ormai da tre anni.

Su richiesta dei legali di Massimiliano Latorre, la Corte Suprema indiana si è detta ieri disponibile a discutere l'eventualità di una proroga al permesso di restare in Italia per cure mediche concesso al marò italiano, ingiustamente accusato della morte di due pescatori nel Kerala. La notizia è stata pubblicata dal quotidiano "The Hindu".

L'udienza fissata dalla Corte si terrà il prossimo 12 gennaio che, casualmente, è l'ultimo giorno utile, visto che il rientro di Latorre era previsto per il 13 (anche se ha già ottenuto una mini-proroga di tre giorni, quindi avrebbe tempo per rientrare fino al 16).

La notizia è stata confermata dalla Farnesina: "L'Italia ha presentato una nuova petizione", ha detto il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, ieri durante la commemorazione a Reggio Emilia della nascita del Primo Tricolore. "Le condizioni di salute di Massimiliano Latorre sono sotto gli occhi di tutti - ha aggiunto Gentiloni - l'altro ieri è stato sottoposto ad un nuovo intervento al cuore, quindi ci sono tutte le ragioni da parte dell'Italia per proporre una nuova petizione, cosa che abbiamo fatto stamattina e che verrà discussa lunedì".

Sulla vicenda dei marò Gentiloni, che sin dal suo insediamento ha precisato che questa per lui è una vicenda primaria, ha spiegato: "Si sta discutendo da tempo con l'India, i risultati finora ottenuti non sono stati soddisfacenti. Tuttavia il dialogo è in corso, dal punto di vista innanzitutto umanitario ci aspettiamo una risposta dalla Corte Suprema indiana alla richiesta che abbiamo fatto stamattina. Per il resto - ha detto ancora Gentiloni - continuiamo il dialogo con le autorità indiane che finora non ha dato risultati che ci aspettavamo: per questa ragione, prima di Natale, abbiamo richiamato il nostro ambasciatore per le consultazioni".

L'insoddisfazione di Gentiloni è ben giustificata: le autorità indiane sembrano adottare il sistema del "bastone e della carota": alternano momenti di estrema durezza, durante i quali alcuni politici sembrano dare per scontata la colpevolezza (mai dimostrata) dei nostri militari a dimostrazioni di cordiale disponibilità.

Il Cocer, il sindacato delle stellette, in merito ha chiesto un incontro con il governo e il senatore Maurizio Gasparri ha detto che "bene fanno i Cocer a chiedere un confronto sulla drammatica vicenda dei due fucilieri di Marina e ritengo più che doveroso che le commissioni Difesa di Camera e Senato incontrino i rappresentanti dei Cocer sul sequestro dei Marò. A tal fine - ha aggiunto - come membro della commissione Difesa e vicepresidente di Palazzo Madama, ho esortato i presidenti Latorre e Vito ad assumere le necessarie iniziative".

L'eurodeputato della Lega Nord, Mario Borghezio, afferma invece che "la questione legata al rientro in India del marò Latorre, tra scadenze e possibili rinvii dell'ultim'ora, dimostra che la misura è colma. Per questo lanciamo un ultimatum al Governo: è bene che quel fantoccio di Renzi sappia che i patrioti non resteranno con le mani in mano".

E ancora: "La decisione della Corte Suprema indiana di discutere l'estensione del permesso di Latorre il 12 gennaio non è un segnale distensivo, ma solo un modo degli indiani di prendere tempo, ingarbugliando ancora di più una situazione a dir poco ridicola - ha aggiunto Borghezio - Dopo i miei interventi nei confronti del presidente del Parlamento Europeo Martin Schulz e del presidente dell'Afet Elmar Brok, prosegue il mio impegno al fianco dei nostri due fucilieri: parteciperò a Roma ad una conferenza per chiederne la liberazione, mentre la prossima settimana farò sentire la mia voce a Strasburgo. È il momento di agire".

 
<< Inizio < Prec. 9021 9022 9023 9024 9025 9026 9027 9028 9029 9030 Succ. > Fine >>

 

06

 

06

 

06


 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it