Lunedì 16 Dicembre 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Giustizia: carceri, manicomi e potere del controllo... tra panoptismo e biopolitica PDF Stampa
Condividi

di Camilla Cupelli

 

www.linkiesta.it, 12 febbraio 2015

 

Da quando ero bambina ad oggi la storia degli esclusi, dai carcerati ai folli, ha sempre ossessionato la mia riflessione personale. Prima di approdare ad una Facoltà dove avrei studiato a fondo questi temi, un sottile fil rouge sul tema aveva già attraversato parte della mia vita. Senza pretese accademiche provo a tracciare un abbozzo di cosa rappresentino oggi panoptismo e biopolitica, ovvero il controllo dei corpi da parte del potere.

Leggi tutto...
 
Giustizia: ok del Senato a ddl sul reato di negazionismo, pene fino a tre anni di carcere PDF Stampa
Condividi

Corriere della Sera, 12 febbraio 2015

 

Vietate anche l'apologia e la minimizzazione della Shoah, dei genocidi, dei crimini contro l'umanità e dei crimini di guerra. Gattegna (Ucei): "Pagina importante". La cerimonia delle candele, a Birkenau, in occasione dei settant'anni della liberazione del campo di Auschwitz-Birkenau.

Leggi tutto...
 
Giustizia: negazionisti in carcere? è pura follia e non ridurrà il tasso di antisemitismo PDF Stampa
Condividi

di Piero Sansonetti

 

Il Garantista, 12 febbraio 2015

 

La nuova norma, approvata ieri dal Senato, quasi all'unanimità, che punisce con la prigione fino a tre anni il "negazionismo", sicuramente non ridurrà il tasso di antisemitismo (che è piuttosto alto in Italia) ma invece porterà un altro sassolino alla costruzione del castello di una legislazione sempre più "proibizionista" ed invadente.

Cioè, in sostanza - a prescindere dalle conseguenze pratiche che avrà, probabilmente nessuna - rafforzerà l'idea che le opinioni possono essere perseguite a norma di legge e punite anche con il carcere.

In contrasto con l'articolo 21 della Costituzione che, nel suo primo comma, dice così: "Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione". La legge sul negazionismo invece sostiene che la libertà di parola è limitata da determinati confini. E cioè esclude alcune ideologie, o alcune ipotesi storiche ritenute aberranti. Anch'io ritengo aberranti, e anche ripugnanti, le ipotesi storiche e le teorie "negazioniste" alle quali si riferisce la legge (e principalmente quella che nega la Shoah, cioè lo sterminio degli ebrei compiuto dai tedeschi e dagli italiani tra il 1940 e il 1945).

E tuttavia considero anche aberrante punire col carcere chi dice cose aberranti. In qualunque modo si voglia interpretare questa ennesima legge "punitiva", è indubbio che si tratta di una legge che introduce un nuovo reato di opinione.

Io penso che i reati di opinione siano una caratteristica tipica delle dittature e delle democrazia autoritarie ( e paurose) e che in un regime democratico, davvero moderno e liberale, un reato di opinione non ha possibilità di esistere.

La legge che è stata approvata ieri dal Senato si presenta come una correzione della precedente legge del 1975, chiamata legge Reale e dalla successiva legge Mancino che è del 1993. Entrambe nate nel solco della legge Scelba, del 1953, che proibiva l'apologia del fascismo, per realizzare una disposizione della Costituzione (che però era una disposizione transitoria, scritta all'indomani della caduta del fascismo e concepita come misura di emergenza destinata a cadere nel giro di pochi anni, e che invece non è mai caduta).

Non solo penso che la legge sul negazionismo sia sbagliata. Penso che sia pericolosa. Perché nel momento nel quale si decide che è proibito pensare con idee naziste e razziste - e si rinuncia al principio che queste idee si combattono con la battaglia culturale, con la battaglia politica, con l'educazione, con l'organizzazione di massa - si stabilisce un principio la cui estensione non sarà più controllabile. Chi decide qual è il limite oltre il quale la libertà delle idee (e della ricerca storica) non può spingersi? Può deciderlo solo un'entità: il potere.

Il potere di chi ha vinto, di chi è più forte, di chi comanda. Tanto è vero che questo potere non ha mai previsto, tra i grandi crimini contro l'umanità che è vietato negare, l'annientamento dei nativi d'America ( i pellirosse per intenderci) sterminati dagli europei e dall'esercito degli Stati Uniti. Perché? Perché gli autori di quel genocidio sono ancora i vincitori.

Sono il potere. E il potere non può negare se stesso. E se il potere domani dovesse decidere che sono proibite le ideologie che mettono in discussione il liberismo? O quelle che contestano la "sacralità" dei magistrati e della legalità? O che sono proibite alcune religioni considerate anti-moderne? Voi capite che si rischia una spirale pericolosissima. La verità è che queste leggi nate per combattere l'ideologia fascista, sono loro stesse leggi di tipo fascista. Non solo io credo che sarebbe giusto se la Camera respingesse il provvedimento sul negazionismo. Ma mi piacerebbe che ci si decidesse ad abrogare anche la legge Mancino.

P.S. Mi ha fatto piacere sapere che l'unica voce critica che si è levata in Senato contro questa norma sia stata quella della senatrice a vita Elena Cattaneo. Dimostra che le persone in grado di pensare con la propria testa, anche in Parlamento, sono drammaticamente in via di riduzione ma non sono estinte.

 
Giustizia: Mattiello (Pd); efficacia per lotta al terrorismo e garanzie stiano insieme PDF Stampa
Condividi

Ansa, 12 febbraio 2015

 

"Nuovi poteri di intrusione carceraria dei Servizi e Istituzione della Procura nazionale anti terrorismo sono passi importanti, a patto di tenere insieme efficacia e garanzia democratica. Nel pacchetto anti terrorismo annunciato oggi dal Governo c'è un maggior potere dei Servizi Segreti di operare all'interno delle carceri: sappiamo che è una delle attività più delicate in assoluto. Bene che venga ancorata a monte, con l'obbligo di informare la magistratura e a valle con l'obbligo di informare il Copasir e che sia una sperimentazione a termine".

A chiederlo è il deputato dem Davide Mattiello, componente delle Commissioni Giustizia e Antimafia. Mattiello annuncia che chiederà al capo del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, Santi Consolo, che alle ore 14 di oggi verrà ascoltato in audizione in Commissione Antimafia, cosa ne pensa. "Nel pacchetto - sottolinea il deputato Pd - c'è anche l'istituzione della Procura nazionale anti terrorismo che sarà incardinata all'interno della Procura nazionale Antimafia. In Commissione Giustizia Camera avevamo già cominciato a lavorare su questo strumento a partire dalla proposta dell'on. Dambruoso.

L'Italia già ha una struttura di coordinamento nazionale anti terrorismo, che però riguarda le forze di polizia, quindi il Viminale e il Governo; l'istituzione della Procura nazionale metterà anche la Magistratura nelle condizioni di lavorare con le proprie prerogative alla stregua di quanto fanno già le forze di polizia e questo non può che aumentare complessivamente la capacità di risposta democratica ad un fenomeno di gravità pari a quella delle mafie".

"In fondo oggi - ragiona Mattiello - si chiude un cerchio cominciato negli anni 70 quando la magistratura, impegnata sul fronte del contrasto al terrorismo interno, comprese l'importanza di strutture di coordinamento che permettessero centralizzazione e specializzazione. Questa svolta divenne poi patrimonio dei magistrati impegnati contro la mafia: la nascita del "pool antimafia di Palermo" fu la premessa alla riforma fortemente voluta da Falcone, che porterà alla creazione della Dna e della Dia. Oggi, con l'istituzione della Procura nazionale anti terrorismo proprio all'interno della Dna, dimostriamo che dalla nostra storia sappiamo anche imparare il meglio".

 
Giustizia: Costa Concordia, ecco perché non tornano i conti di questo processo PDF Stampa
Condividi

di Vincenzo Vitale

 

Il Garantista, 12 febbraio 2015

 

E finito dunque il primo atto - soltanto il primo atto - della vicenda della Costa Concordia, con la prevedibile condanna del comandante Francesco Schettino alla pena di sedici anni di reclusione. Diciamo subito che la pena, tenendo presenti i criteri del codice penale, appare eccessiva. Qui hanno ragione i difensori, perché mai, a memoria di giurista, si è vista una pena di questa misura per un reato colposo, sia pure con un numero elevato di vittime.

Va bene che a Schettino venivano anche contestati altri e diversi reati, quali l'abbandono della nave, lesioni colpose plurime e naufragio colposo, ma anche in questo modo la pena appare alquanto sovradimensionata.

Tutto lascia credere che i giudici abbiano inflitto la pena massima prevista dal codice per l'omicidio colposo plurimo - che è di dodici anni - e poi l'abbiano aumentata, attraverso il meccanismo della continuazione nel reato, giungendo a questa misura. Che ci sia qualcosa che non torna lo si può comprendere, facendo un raffronto con altri casi di omicidi colposi plurimi che la cronaca di questi anni ci ha purtroppo costretto a prendere in esame.

Ricordate quel guidatore che a velocità pazza sul lungotevere in piena città di Roma, prendendo in pieno due coppie di fidanzati che attraversavano, li falciò, ammazzandoli sul colpo? Se la cavò con circa quattro anni di reclusione in primo grado (non so in appello). E allora? Certo, si capisce che per il naufragio della Costa l'emozione è stata tanta, la pena enorme, i morti oltre 35: ma ciò basta ad infliggere una pena per quattro volte maggiore di quella inflitta al guidatore assassino?

Tuttavia, queste considerazioni non bastano, perché la pena, in concreto, va inflitta non contando il numero di morti soltanto, ma a partire dai meccanismi che hanno attivato la condotta colposa punibile e da quelli - esterni - che hanno contribuito ad aggravarne gli esiti mortali. In proposito, il processo non pare aver fugato ogni dubbio, soprattutto con riferimento al mancato funzionamento di un generatore di riserva, della cui mancata operatività la difesa si è sempre lamentata. Non solo. Che dire del manovratore che stava al timone?

Costui è letteralmente scomparso, volatilizzato nel nulla. Di fatto, è stato perciò impossibile verificare se le difese di Schettino, che hanno denunciato un grave errore di manovra dello stesso, il quale avrebbe equivocato un ordine del comandante, del quale non comprendeva bene la lingua, avessero ragione o no.

Insomma, non mancano i punti oscuri che ancora non sembrano sufficientemente lumeggiati. Infatti, bisognerebbe rispondere alla domanda che non può essere elusa in relazione al posizionamento della nave. La nave, di fatto, si arenò, piegandosi su di un fianco, lentamente e comunque non colò a picco.

Ora, per condannare Schettino per omicidio plurimo, occorre provare senza ombra di dubbio che fra la errata manovra che causò l'arenarsi della nave e la morte dei 32 passeggeri sia rinvenibile un sicuro ed esclusivo nesso di causalità. Se invece, l'errata manovra causò sì l'impatto, ma alla morte dei passeggeri concorsero altre cause, quali appunto il mancato funzionamento di un generatore e l'errore del timoniere, allora la responsabilità va, per dir così, spalmata anche su altri soggetti.

In particolare, appare impossibile non vedere l'enorme responsabilità della Costa Crociere nella dinamica del terribile naufragio: personale assente o del tutto impreparato, generatori non funzionanti, soccorsi inadeguati, scialuppe inutilizzabili, tutte circostanze queste che se pesano sul piatto della responsabilità della compagnia, avrebbero dovuto ridurre in modo proporzionato quella di Schettino. In conclusione, la domanda ancora senza risposta suona: ammesso che Schettino abbia gravemente errato, siamo sicuri che, se i meccanismi di soccorso avessero ben funzionato, si sarebbero egualmente contate 32 vittime? O forse no?

 
<< Inizio < Prec. 9491 9492 9493 9494 9495 9496 9497 9498 9499 9500 Succ. > Fine >>

 

06


06


 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it