Martedì 07 Aprile 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Giustizia: le pericolose "fughe" sulla corruzione PDF Stampa
Condividi

di Beniamino Migliucci (Presidente dell'Unione delle camere penali italiane)

 

Guida al Diritto - Sole 24 Ore, 16 gennaio 2015

 

 

Duecentocinquanta anni fa Beccaria ammoniva: "Una sorgente di errori di ingiustizia sono le false idee di utilità che si formano i legislatori. Queste false idee di utilità si chiaman leggi non prevenitrici ma paurose dei delitti, che nascono dalla tumultuosa impressione di alcuni fatti particolari e non dalla ragionata meditazione degli inconvenienti e avantaggi di un decreto universale".

Leggi tutto...
 
Giustizia: l'ex Vicecapo Dap Fazzioli testimonia al processo sulla trattativa Stato-mafia PDF Stampa
Condividi

Adnkronos, 16 gennaio 2015

 

Quando l'ex capo del Dap Nicolò Amato, nel giugno del 1993, venne a sapere dal Ministero della Giustizia di essere stato sostituito nella sua funzione al Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria "era molto arrabbiato, offeso, dispiaciuto. Aveva quasi le lacrime agli occhi".

Leggi tutto...
 
Giustizia: Cassazione; confermato il carcere per il deputato Pd Francantonio Genovese PDF Stampa
Condividi

Adnkronos, 16 gennaio 2015

 

Il deputato messinese del Pd Francantonio Genovese, accusato di associazione per delinquere, frode e truffa nell'inchiesta sulla Formazione in Sicilia e oggi agli arresti domiciliari, deve tornare in carcere. È quanto ha deciso la Corte di Cassazione che, nella tarda serata di ieri, ha rigettato il ricorso presentato dai difensori del parlamentare, confermando così la decisione del Tribunale della Libertà di Messina, che lo scorso luglio aveva ripristinato la custodia cautelare in carcere al posto degli arresti domiciliari, che gli erano stati concessi a seguito dell'interrogatorio di garanzia. Sarà adesso la Procura di Messina a valutare oggi il caso. Francantonio Genovese è agli arresti domiciliari dallo scorso maggio. Era stato lo stesso deputato a costituirsi nel carcere di Messina una settimana prima dopo che la Camera dei deputati aveva votato l'autorizzazione al suo arresto.

 

Deputato Pd trasferito in carcere

 

È appena trasferito nel carcere di Gazzi a Messina il deputato Pd Francantonio Genovese, indagato nell'ambito dell'inchiesta sui "corsi d'oro" della formazione professionale. È l'effetto della sentenza emessa ieri sera dalla seconda sezione della Cassazione ha rigettato il ricorso presentato dal legale di Genovese, Nino Favazzo, contro la decisione del Tribunale della Libertà che nl luglio scorso aveva disposto il ripristino della custodia cautelare in carcere in sostituzione degli arresti domiciliari, concessi a seguito dell'interrogatorio di garanzia. Il parlamentare è stato prelevato nella sua abitazione di Ganzirri dalla Guardia finanza e condotto in carcere.

 
Lettere: domani sarà l'ultimo giorno in cui farò parte della Cooperativa P.I.D. PDF Stampa
Condividi

Ristretti Orizzonti, 16 gennaio 2015

 

A Daniela, Laura, Livia, Silvia, Francesco, a tutti i soci e al presidente della Cooperativa P.I.D., agli Chef Carla e Luca, a tutti voi voglio dire grazie, per avermi accolto come socio lavoratore presso la cucina della Casa circondariale di Rieti, per avermi considerato come una persona e non solo un detenuto, per avermi dimostrato che nel mondo delle cooperative sociali ci sono tante persone oneste che operano nel rispetto della legge e delle persone disagiate come noi detenuti, perché è grazie a persone come voi, che nonostante quello che è emerso in questi giorni passati (coop. 29 giugno), tanti possono continuare a sperare in una nuova possibilità di reintegrarsi nella vita sociale , grazie al vostro impegno.

Oggi che vi scrivo so che domani sarà l'ultimo giorno in cui farò parte della Cooperativa P.I.D., purtroppo i recenti noti fatti hanno sicuramente influito su un probabile rinnovo del contratto di appalto del servizio di cucina, ma io e tanti altri detenuti sappiamo che voi avete operato con coscienza e spirito di collaborazione con tutti, amministrazione penitenziaria e noi, i detenuti.

Voglio poi ringraziarvi ancora per l'aiuto che date a tanti con l'accoglienza che fate presso la vs struttura di Roma via del Casaletto 243 "Casa Famiglia Don Pugliesi", anch'io, non avendo un alloggio nel comune di Roma, ho potuto usufruire e sto ancora usufruendo della vostra accoglienza gratuita presso questa struttura , per i permesso premio, così ho avuto la possibilità di cercare un lavoro (che ho trovato), di frequentare l'università, di curare i miei affetti e respirare di nuovo aria di libertà. Vi rinnovo il mio affetto, la mia disponibilità presente e futura alla cooperazione, vi abbraccio tutti e continuate così.

 

Lettera firmata

 
Rimini: Garante dei diritti dei detenuti senza sede propria, le precisazioni del Comune PDF Stampa
Condividi

www.altarimini.it, 16 gennaio 2015

 

Il Garante dei diritti dei carcerati, il dottor Davide Grassi, si è messo al lavoro con grande professionalità, ma l'Amministrazione Comunale di Rimini non lo ha messo nelle condizioni di svolgere le proprie funzioni. Non ha neppure una sede dedicata in cui poter incontrare i parenti dei detenuti, dovendosi "accontentare" di un ufficio presso l'Urp.

È quanto denuncia l'associazione Papillon Rimini in una nota. Il vicesindaco Gloria Lisi si dice "sorpresa" per la nota dell'associazione, avendo "proposto, sollecitato e seguito l'iter amministrativo per l'istituzione del Garante dei diritti dei carcerati. Secondo quanto dichiarato dal vicesindaco, è stata concordata proprio con il dottor Grassi la sede all'interno dell'Ufficio Relazioni con il pubblico del Comune di Rimini, in Piazza Cavour, per un solo giorno a settimana. Per quel che concerne gli aspetti amministrativi, il Garante è affiancato da un funzionario comunale che gestisce gli appuntamenti e le pratiche amministrative, mentre a breve sarà attivata la mail per contattarlo. L'indennità economica non è prevista, ad eccezione dei rimborsi spese. L'Amministrazione Comunale si è detta comunque favorevole a cercare una soluzione diversa, per quel che concerne la sede, purché sia lo stesso garante a proporle e che tutto avvenga secondo il percorso amministrativo che coinvolga il Consiglio Comunale.

 
<< Inizio < Prec. 10301 10302 10303 10304 10305 10306 10307 10308 10309 10310 Succ. > Fine >>

 

07


06


 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it