Venerdì 14 Agosto 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

 

 

Lettere: moratoria Circolare Dap e rinnovo convezioni degli "esperti" psicologi PDF Stampa E-mail
Condividi

di Alessandro Bruni (Presidente Società Italiana Psicologia Penitenziaria)

 

Ristretti Orizzonti, 27 gennaio 2014

 

Moratoria Circolare Dap e rinnovo convezioni degli "esperti" psicologi: nuova lettera del Presidente Consiglio Nazionale Ordine Psicologi.

"Con riferimento all'Ordinanza del Consiglio di Stato del 14 gennaio 2014 (...) Si chiede alle SS.LL. di voler disporre, per quanto di competenza, una moratoria di un anno della Circolare Dap n. 3645/6095 dell'11 giugno 2013 "Impiego degli esperti di cui all'art. 80, comma 4, della legge 26 luglio 1975, n. 354" che ha determinato le nuove selezioni in corso da parte dei singoli Provveditorati Regionali, ciò al fine di sospendere l'esecutività delle selezioni stesse e, conseguentemente, disporre la proroga delle convenzioni in essere".

Così inizia la lettera che Giuseppe Luigi Palma, Presidente del Consiglio Nazionale Ordine Psicologi, ha inviato il 23 gennaio 2014 ai vertici del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria e per conoscenza al Ministro e ai Sottosegretari alla Giustizia.

Anche il Presidente dell'Ordine, che da anni segue la vicenda degli psicologi penitenziari, è intervenuto ancora una volta per chiedere "La moratoria della Circolare e il rinnovo per il 2014 delle convezioni degli "esperti" permetterà di attendere gli sviluppi legati alla recente Ordinanza del Consiglio di Stato del 14 gennaio 2014 che, accogliendo il ricorso, ha evidenziato l'esistenza di un fondamento giuridico delle richieste avanzate ed ha chiesto al TAR di pronunciarsi a breve nel merito".

Palma rilancia la proposta di approfondire "ulteriori soluzioni non ancora esplorate" con l'obiettivo di "evitare futuri contenziosi" per l'Amministrazione Penitenziaria; "tutelare gli "esperti" psicologi che dal 1978 garantiscono gli interventi" evitando l'espulsione di circa 500 e "ampliare l'intervento inserendo nuovi psicologi ed eliminare il vincolo che limita a quattro anni il tempo massimo di lavoro entro lo stesso istituto penitenziario".

Inoltre, nella lettera viene ricordato ancora una volta che le nuove graduatorie che non tengono in considerazione esperienze specifiche pregresse "è in evidente contraddizione con il Protocollo d'intesa firmato tra Ministero della Giustizia, l'Associazione unitaria psicologi italiani e il Consiglio Nazionale nel quale è stato assunto l'esplicito impegno a «non disperdere le professionalità createsi e non vanificare le legittime aspettative di futura stabilizzazione degli operatori oggi legati all'Amministrazione Penitenziaria con convenzioni di durata annuale".

 

 

 

 

 


Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it