Venerdì 14 Agosto 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

 

 

Giustizia: Ass. Clemenza e Dignità; serve una soluzione, ce lo chiede la dignità dell'uomo PDF Stampa E-mail
Condividi

www.imgpress.it, 27 gennaio 2014

 

"Più dell'Europa, penso che non possa proprio più attendere la dignità dell'uomo. Sulle carceri, non possiamo continuare a guadagnare tempo, contrapponendo eternamente la soluzione delle riforme, alla soluzione dell'amnistia o dell'indulto".

È quanto afferma in una nota Giuseppe Maria Meloni, responsabile di Clemenza e Dignità, che aggiunge: "I cassetti del Ministero della Giustizia, sono già pieni di progetti di riforma del codice penale e di procedura penale. La verità è che le riforme sono molto più difficili da realizzare che un atto di clemenza.

Questo perché - osserva - dietro il mondo della pena, gravitano anche delle diverse visioni politiche, ideologiche della società, nonché delle diverse concezioni della stessa società, in chiave religiosa oppure prettamente laica. Si prendano, a esempio - conclude - il problema degli stupefacenti e la questione degli immigrati, e qualcuno provi a mettere d'accordo tutte le anime".

 

 

 

 

 


Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it