Sabato 15 Agosto 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

 

 

Catanzaro: a Capodanno visita delegazione dei Radicali alla Casa circondariale "Ugo Caridi" PDF Stampa E-mail
Condividi

Ansa, 31 dicembre 2014

 

"Mentre il Presidente del Consiglio dichiara di aver risolto il problema della carceri senza fare né amnistia né indulto e che, per questo, nessuno ormai parla più di questi provvedimenti per risolvere il problema del sovraffollamento, i Radicali, anche in Calabria continuano il loro sostegno al Satyagraha di Marco Pannella e Rita Bernardini col digiuno a staffetta e, per giovedì primo dell'anno, torneranno in visita alle 10 alla casa circondariale Ugo Caridi di Catanzaro per verificarne le condizioni".

Lo rende noto Giuseppe Candido che farà parte della delegazione di Radicali calabresi in visita alla struttura "grazie all'interessamento dell'on. Rita Bernardini che l'ha fatta autorizzare dal Dap, e sarà composta anche dai militanti calabresi Rocco Ruffa, Cesare Russo, Sabatino Savaglio, e Antonio Giglio consigliere comunale di Catanzaro e iscritto al Partito Radicale".

"È un Satyagraha - prosegue Candido - con obiettivi specifici: oltre all'amnistia e all'indulto di cui, secondo il premier, nessuno più parlerebbe e che, invece, costituiscono per i Radicali gli unici provvedimenti in grado, strutturalmente e subito, di portare nell'alveo della legalità costituzionale e sovranazionale il nostro Paese, tra gli obiettivi c'è quello di garantire il diritto alle cure ai detenuti, poi, l'introduzione nel nostro ordinamento del reato di tortura, la revoca del 41bis a Bernardo Provenzano, l'abolizione della detenzione arbitraria e illegale del 41bis, che anche Papa Francesco ha detto essere una forma di tortura, e che, da anni ormai, i Radicali chiamiamo tortura democratica; una forma di detenzione tanto illegale pure per l'Onu che, a luglio, ha richiamato il nostro Paese e che, invece, abbiamo deciso di estendere ad altri reati oltre che a quelli di mafia.

Poi gli obiettivi proseguono chiedendo di interrompere le deportazioni in corso dei detenuti dell'alta sicurezza, di rendere effettivi i risarcimenti ai detenuti che han subito e in alcuni casi continuano a subire trattamenti inumani e degradanti, e di nominare subito il Garante Nazionale dei Detenuti. E, noi in Calabria, aggiungiamo il dialogo col presidente della Regione, Mario Oliverio, per continuare a chiedergli, anche per la nostra terra che, come per l'accoglienza, in tema di diritti umani ha sempre dato lezioni, di istituire subito il Garante Regionale".

 

 

 

 

 


Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it