Venerdì 20 Settembre 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Toscana: internati trasferiti da Montelupo a Solliccianino, che caos per il dopo Opg PDF Stampa
Condividi

di Jacopo Storni

 

Corriere Fiorentino, 1 aprile 2015

 

"Mi auguro che quella di Solliccianino sia una sistemazione provvisoria per i malati mentali provenienti dall'Opg di Montelupo, nell'ottica del loro trasferimento in un'altra struttura a vocazione sanitaria come indicato dalla legge".

Lo ha detto Patrizio Gonnella - presidente di Antigone, tra i responsabili della campagna nazionale Stop Opg - all'indomani della decisione della Regione Toscana di spostare una ventina dei 52 pazienti toscani dell'ospedale psichiatrico giudiziario di Montelupo nel carcere di Solliccianino, un luogo che secondo Gonnella ha una "vocazione esclusivamente carceraria". Secondo Antigone, "la Toscana in tema di Opg sta facendo un percorso complicato e ha fatto fatica a trovare i luoghi alternativi per i malati di Montelupo".

La struttura di Montelupo, nonostante la scadenza del 31 marzo per la chiusura di tutti gli Opg italiani, è ancora aperta. Sono già state individuate sei residenze sanitarie alternative, ma alcune non sono ancora pronte, mentre altre sono attualmente piene. A destare maggior perplessità è soprattutto Solliccianino, un luogo più adatto alla detenzione piuttosto che alla cura.

"È un penitenziario - ha detto il deputato di Fratelli d'Italia Achille Totaro - Adesso verranno portati anche gli internati. Così andrà a carte quarantotto tutto il percorso riabilitativo per i detenuti e il percorso psichiatrico per gli internati". Sul tema interviene anche Giovanni Donzelli, capogruppo regionale di Fratelli d'Italia e candidato governatore, insieme ai consiglieri Fdi Marina Staccioli e Paolo Marcheschi: "La Regione ha deciso di mandare gli ex detenuti dell'Opg di Montelupo in una serie di strutture che non adeguate".

 

I Radicali: la Regione ha fatto una figuraccia (www.gonews.it)

 

"La decisione della Regione Toscana di trasferire gli internati non dimissibili dall'OPG di Montelupo al carcere di Solliccianino, dimostra solo che si è arrivati all'ultimo secondo utile per evitare il commissariamento senza avere in mano soluzioni adeguate: una figuraccia, che mette in mostra l'incapacità politica del governatore Rossi di affrontare problemi delicati come quello del superamento degli Opg con gli strumenti della persuasione e della coesione territoriale. La decisione, infatti, è stata presa a solo un giorno dalla scadenza prevista per il superamento dell'Opg di Montelupo

Cosa accadrà ora non si sa: si spera che il trasferimento avvenga solo dopo gli interventi di adeguamento nell'istituto Gozzini, un carcere a custodia attenuata ma pur sempre un carcere. Insomma, non si è voluto, o potuto, comprendere appieno il significato importante contenuto nella legge 81 e si è preferito dar prova di inefficienza politica. "Cambiare tutto per non cambiare nulla?: ma allora è meglio, molto meglio, il commissariamento previsto nella legge 81".

 

 

 

 

06

 

06

 

06


 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it