Domenica 20 Settembre 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Persone minorate: difesa pubblica o privata PDF Stampa
Condividi

Il Sole 24 Ore, 3 luglio 2015

 

Reato - Circostanze aggravanti comuni - Minorate difesa pubblica o privata -Condizioni oggettive e soggettive - Individuazione.

Le circostanze di persona che, ai sensi dell'articolo 61 n. 5 cod. pen. aggravano il reato quando l'agente ne approfitti possono consistere in uno stato di debolezza fisica o psichica in cui la vittima del reato si trovi per qualsiasi motivo; ne consegue che esse devono essere conosciute dall'agente e tali da ostacolare la reazione dell'Autorità pubblica o delle persone offese, agevolando la commissione del reato.

• Corte di cassazione, sezione II, sentenza 2 aprile 2015 n. 13933.

 

Reato - Circostanze aggravanti comuni - Minorate difesa pubblica o privata - Rilevanza dell'età avanzata della vittima.

In tema di minorata difesa, la circostanza aggravante di aver approfittato di circostanze di tempo, di luogo o di persona tali da ostacolare la pubblica o privata difesa deve essere specificamente valutata anche in riferimento all'età senile e alla debolezza fisica della persona offesa, avendo voluto il legislatore assegnare rilevanza ad una serie di situazioni che denotano nel soggetto passivo una particolare vulnerabilità della quale l'agente trae consapevolmente vantaggio.

• Corte di cassazione, sezione II, sentenza 2 marzo 2015 n. 8998.

 

Reato - Circostanze aggravanti comuni - Minorate difesa pubblica o privata - Necessaria valutazione in concreto dei presupposti.

La valutazione della sussistenza dell'aggravante della minorata difesa va operata dal giudice, caso per caso, valorizzando situazioni che abbiano ridotto o comunque ostacolato, cioè reso più difficile, la difesa del soggetto passivo, pur senza renderla del tutto o quasi impossibile, agevolando in concreto la commissione del reato.

• Corte di cassazione, sezione II, sentenza 15 ottobre 2014 n. 43128.

 

Reato - Circostanze aggravanti comuni - Minorate difesa pubblica o privata - Condizioni oggettive e soggettive.

In tema di circostanza aggravante prevista dall'articolo 61 n. 5, non è configurabile la minorata difesa per approfittamento delle condizioni personali ove, sotto il profilo oggettivo, la condotta dell'autore del reato, sebbene repentina, sia percepibile da terzi e, sotto quello soggettivo, la condizione personale di minorazione della vittima inerisca ad una situazione momentanea ed occasionale.

• Corte di cassazione, sezione I, sentenza 27 settembre 2013 n. 40289.

 

Reato - Circostanze aggravanti comuni - Minorate difesa pubblica o privata - Debolezza fisica o psichica della vittima.

La circostanza aggravante della minorata difesa per approfittamento delle condizioni personali ha riferimento alla debolezza fisica o psichica del soggetto passivo e non alla maggiore prestanza fisica dell'agente, salvo che si tratti di una particolare ed eccezionale sua condizione.

• Corte di cassazione, sezione II, sentenza 16 luglio 2009 n. 29499.

 

 

 

 

02


01


07


 06

 

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it