Venerdì 20 Settembre 2019
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Milano. La Triennale farà più bello San Vittore PDF Stampa
Condividi

di Teresa Monestiroli


La Repubblica, 13 settembre 2019

 

Il progetto per risanare gli spazi del carcere segna la nuova stagione di viale Alemagna. L'ampliamento del Museo del Design, inaugurato lo scorso aprile, è confermato. Così come il desiderio di rimettere mano all'edificio di viale Alemagna per riportarlo al progetto originale di Giovanni Muzio che prevedeva, tra le altre cose, un ristorante al piano terra affacciato sul giardino.

Ma per il futuro della Triennale il presidente Stefano Boeri punta anche sull'internazionalizzazione, con una partnership siglata con la Fondazione Cartier per l'arte contemporanea di Parigi, e sulla collaborazione con "i vicini di casa", prima di tutto le istituzioni che con Triennale condividono l'affaccio sul Parco Sempione, per il progetto del Parco delle Culture, e poi con il carcere di San Vittore con cui è stato avviato un cammino insieme già un anno e mezzo fa.

Un percorso che oggi ha un tassello in più, "quello di riprogettare integralmente gli spazi interni del penitenziario, dalle celle al cortile - racconta il Boeri. Stiamo lavorando concretamente da settimane, siamo pronti per lanciare un concorso per la selezione di architetti che abbiano la spinta giusta". Professionisti che dovranno entrare in carcere per ascoltare la voce dei detenuti e degli operatori, con l'obiettivo di "rendere il penitenziario un posto più bello", aggiunge il direttore di San Vittore Giacinto Siciliano.

"Non possiamo più permetterci di lasciarlo così. A San Vittore gli spazi sono pochi, ora è il momento di ripensarli. Dopo il bando cercheremo i finanziamenti. Per ora è un sogno, se si realizza sarà un grande servizio per la città". A un anno e mezzo dal suo insediamento il presidente Boeri fa il primo bilancio e al di là dei numeri la mostra Broken Nature ha chiuso con 281 mila visitatori, il Museo del Design in cinque mesi ha staccato 55 mila biglietti -tratteggia il futuro di Triennale.

In cima ai provvedimenti da realizzare c'è l'espansione del Museo del Design per cui il governo ha promesso 10 milioni di euro. Uno stanziamento firmato dall'ex ministro dei Beni culturali e confermato dal successore Franceschini. Appena l'iter burocratico dei soldi sarà pronto, sarà pubblicato un bando di gara internazionale per scegliere lo studio di architettura che dovrà disegnare il nuovo spazio ipogeo che si estenderà sotto il giardino per quattromila metri quadrati.

Nel frattempo sarà nominato un comitato che si occuperà delle nuove acquisizioni della collezione e delle collaborazioni con archivi, case museo e musei d'impresa. È stato affidato invece all'architetto Luca Cippelletti l'incarico di seguire i lavori sul Palazzo dell'Arte. Piccole modifiche degli spazi per tornare all'idea di Muzio, con l'ampliamento dell'area bambini e l'intento di trattare con la discoteca Old Fashion per fare della sala da ballo un ristorante.

Lavori che non interferiranno con l'apertura della Triennale, che ha studiato il programma "Parla ascolta guarda fai", a cura di Umberto Angelini, direttore del Teatro dell'Arte, che dal 5 ottobre invaderà gli spazi con sperimentazioni e performance, proiezioni, installazioni e laboratori. Il cartellone prosegue con l'allestimento di uno skate park al piano terra per la mostra "Play!". E nel 2020 arriveranno le mostre su Enzo Mari, Carlo Aymonino, Giancarlo De Carlo e Vico Magistretti.

 

 

 

 

06

 

06

 

06


 06

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it