Sabato 19 Settembre 2020
Redazione
Direttore
Ristretti come Homepage

Login



 

 

Caso Gregoretti, per Salvini ora il pm potrebbe chiedere l'assoluzione PDF Stampa
Condividi

di Giovanni Bianconi

 

Corriere della Sera, 13 febbraio 2020

 

La procura di Catania aveva già negato l'esistenza del reato di sequestro di persona. La decisione finale dopo l'udienza davanti al gup. I paradossi del caso Gregoretti non si sono esauriti al Senato - dov'è andato in scena il balletto dei rinvii, dei voti a favore di chi era contrario e infine del non voto leghista - ma sono destinati a proseguire nel palazzo di giustizia di Catania. È lì che adesso torneranno gli atti del procedimento, e la Procura (dopo un nuovo rimbalzo di carte con il Tribunale dei ministri) dovrà chiedere la fissazione di un'udienza preliminare. Ma a chi? Di nuovo al collegio che ha già chiesto e ora anche ottenuto di processare Matteo Salvini, oppure a un ordinario giudice dell'udienza preliminare (gup) da individuare tra i sedici in servizio alle falde del l'Etna?

L'iter ordinario - Una sentenza della Corte costituzionale del 2002 sembra aver chiarito che si debba andare davanti al gup, quando stabilì che l'iter processuale a carico del ministro debba proseguire "secondo le forme ordinarie, vale a dire per impulso del pubblico ministero e davanti agli ordinari organi giudicanti competenti".

Ma proprio nell'ufficio dei pm guidati dal procuratore Carmelo Zuccaro ci si sta interrogando in queste ore se quella pronuncia (che fu "interpretativa di rigetto" di un'eccezione di incostituzionalità, non di accoglimento) sia vincolante o meno. La legge costituzionale del 1989 sui reati ministeriali dispone infatti che dopo l'autorizzazione il fascicolo venga restituito al tribunale dei ministri "perché continui il procedimento secondo le norme vigenti".

Come se il soggetto chiamato a continuare fosse lo stesso tribunale e non un altro giudice. Ma un po' perché la Consulta ha già detto la sua, e un po' perché il tribunale dei ministri ha svolto fin qui le funzioni di inquirente, sarebbe strano che ora dovesse anche vestire i panni del giudicante chiamato a decidere sul rinvio a giudizio di Salvini.

L'udienza preliminare - È dunque presumibile che la Procura uscirà da questa complessa questione tecnico-giuridica chiedendo a un gup la fissazione dell'udienza preliminare.

E qui si assisterà a un'altra stranezza di questa vicenda. Solitamente, anche nei casi di "imputazione coatta" imposta da un gip al quale il pm aveva chiesto l'archiviziazione di un caso, la Procura formula l'accusa e conclude chiedendo al gup il rinvio a giudizio. Stavolta di scontato c'è solo la prima parte, e cioè la richiesta di fissazione dell'udienza preliminare con il capo d'imputazione contro l'ex ministro dell'Interno: sequestro di persona aggravato di 131 migranti commesso a Catania e Augusta, tra il 27 e il 31 agosto 2019.

Non ci fu alcun sequestro - Un atto dovuto. Il resto è incerto, perché già all'esito dell'indagine svolta dal Tribunale dei ministri, gli stessi pubblici ministeri (il procuratore Zuccaro e il sostituto Andrea Bonomo, che in questo caso ha sottoscritto gli atti) avevano sostenuto il contrario: per loro non ci fu alcun sequestro.

Il fatto non costituisce reato, scrissero nella richiesta di archiviazione, perché lasciare i migranti a bordo per tre giorni (al quarto fu decisa l'autorizzazione allo sbarco, sebbene formalizzata solo l'indomani), assistiti per ogni necessità, al fine di stabilire dove dovessero essere collocati una volta scesi dalla nave, non è un periodo di privazione della libertà "apprezzabile" per essere considerato un sequestro.

Proscioglimento o rinvio a giudizio? - I pm potrebbero insistere su questa posizione e proporre il proscioglimento dell'imputato Salvini, oppure il rinvio a giudizio se dovessero mutare orientamento al termine dell'udienza preliminare. Nella quale l'ex ministro potrà chiedere di essere interrogato, il suo avvocato presentare nuovi atti e sollecitare nuovi accertamenti. Poi la Procura formulerà le proprie conclusioni (lì si vedrà se cambierà idea oppure no), quindi il giudice deciderà: processo o archiviazione.

 

 

 

 

02


01


07


 06

 

 

 

murati_vivi

 

 

 

Federazione-Informazione


 

5permille




Tutti i diritti riservati - Associazione "Granello di Senape" Padova Onlus - C.F. 92166520285 - Powered by amani.it