sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

di Chiara Cruciati


Il Manifesto, 22 gennaio 2022

 

Attacco coordinato nel nord est siriano: dentro gli islamisti detenuti danno fuoco alle celle e si impossessano delle armi, fuori autobombe e lanciarazzi. Decine i morti. I 91 evasi ricatturati dalle Sdf con il sostegno della coalizione. Mentre la Turchia colpisce i rinforzi curdi.

Un assalto durato tutta la notte, tra giovedì e venerdì, e proseguito ieri: è il peggiore da anni l'attacco realizzato dallo Stato islamico alla prigione di Sina'a, nel quartiere di Ghiweiran ad Hasakah, nord est siriano. Un attacco coordinato, tra dentro e fuori, tra i prigionieri islamisti detenuti dalle Forze democratiche siriane (Sdf) e le cellule ancora libere di operare.

E un attacco che ha visto mobilitarsi tutti gli attori in campo, plastica rappresentazione del più ampio conflitto che ruota intorno al Rojava. Perché ieri, mentre i combattenti delle Sdf, delle unità curde Ypg/Ypj e delle Asaysh (le forze di sicurezza interne curde) lottavano per mettere in sicurezza i civili e impedire una maxi evasione - anche con il sostegno aereo della coalizione a guida Usa - droni turchi bombardavano i rinforzi delle Sdf diretti ad Hasakah.

La prigione di Sina'a è in mezzo a uno dei quartieri della città. Accanto ci sono case, civili. Ospita da anni tra i 3.500 e i 5mila miliziani islamisti, tra cui membri della leadership, catturati dalle Sdf e tuttora nel nord-est della Siria nonostante il peso di migliaia di detenuti (tantissimi stranieri) non sia più sopportabile dall'Amministrazione autonoma.

L'attacco è iniziato giovedì sera. Dentro e fuori. All'interno i prigionieri hanno dato fuoco a coperte e materassi e si sono impossessati di armi e munizioni, mentre fuori un'autobomba colpiva l'ingresso principale del carcere.

Altre esplosioni a poca distanza, tre camion di benzina, hanno sollevato in aria una fitta coltre di fumo nero - secondo fonti da noi raggiunte nel Rojava - rendendo la visione impossibile a droni ed elicotteri della coalizione. Da lì lo scontro si è esteso a terra: combattenti delle Sdf contro gli islamisti armati di fucili e lanciarazzi. Gli stessi miliziani avrebbero ucciso sette prigionieri islamisti che avevano optato per la resa.

E si è esteso ai civili: islamisti si sono nascosti in alcune case nelle vicinanze, con la forza. Sarebbero cinque i civili uccisi, secondo il Rojava Information Centre (Ric), uno di loro sarebbe stato decapitato. Le Sdf hanno chiesto la collaborazione della popolazione: non date rifugio agli evasi, avvertiteci.

Sopra, hanno iniziato a volare gli Apache e i droni statunitensi: nel primo pomeriggio di ieri hanno bombardato la prigione e la facoltà di economia, poco distante, uno dei rifugi scelti dai miliziani. Poco prima il quartiere era stato evacuato: in centinaia si sono allontanati dalla città a piedi, mentre veniva imposto il coprifuoco.

"La scorsa notte gli Apache hanno illuminato la zona per assistere meglio le Sdf e le Asaysh sul terreno - ci hanno spiegato dal Ric - e hanno sparato con fucili automatici contro gli assalitori e gli evasi". E ieri truppe statunitensi sono arrivate a bordo di veicoli blindati.

Nelle stesse ore, affatto defilata, è entrata in scena la Turchia, occupante illegittimo di un pezzo di Rojava, che amministra con le sue truppe e con milizie islamiste alleate. Il suo contributo: con un drone ha colpito un veicolo delle Sdf partito da Tel Temer e diretto ad Hasakah. Due i morti. Intanto i giornalisti dell'agenzia Anha riportavano del volo a bassa quota di droni turchi nel distretto di al-Darbasiyah, ad Hasakah.

Secondo le nostre fonti, 91 evasi sarebbero stati catturati dopo la fuga. In serata il comandante delle Sdf, Mazloum Abdi, ha twittato: sono stati tutti ricatturati. Circa 40 gli islamisti uccisi, di cui un cinese: un video della Ronahi Tv mostra corpi a terra, alcuni con addosso cinture esplosive, altri nelle divise arancioni dei prigionieri. Due i combattenti delle Sdf morti, 15 i feriti, secondo fonti curde, mentre l'Afp parla di 23 uccisi. In serata gli scontri sono proseguiti fuori dalla città, dopo la ritirata degli islamisti.

Un attacco coordinato che svela ancora una volta la capacità dello Stato islamico di infiltrare prigioni e campi di detenzione gestiti con difficoltà e in solitudine dalle Sdf. Lo ha ribadito ieri all'agenzia Anf Abdulkarim Omar, co-presidente delle relazioni internazionali dell'Amministrazione della Siria del nord-est: "Questi eventi sono il risultato dell'incapacità della comunità internazionale di compiere il proprio dovere. Deve avviare processi contro i membri dell'Isis e ogni paese deve riprendere i propri cittadini (foreign fighters, ndr). Il terrorismo dell'Isis è ancora attivo, le sue cellule colpiscono di continuo, mentre la nostra regione è sotto assedio ed embargo". Un assedio perpetrato dalla Turchia, forza occupante, che ha mostrato di nuovo ieri l'opacità del proprio ruolo, una falsa indifferenza verso l'Isis che si traduce nel sostegno necessario a farlo sopravvivere.