sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

viveremarche.it, 22 gennaio 2022


Il 2022 si è aperto con molte conferme, e sono state quelle che temevamo. In carcere l'anno si è aperto con 5 morti nei primi 10 giorni. Divampano i focolai di Covid a Torino, Napoli Secondigliano, Napoli Poggioreale, Firenze Sollicciano, Busto Arsizio, Prato, e in quasi tutte le carceri marchigiane, come ha denunciato preoccupato il Garante avv. Giuliano Giulianelli giorni fa. Il 19 gennaio il Ministro della Giustizia Marta Cartabia conclude la sua relazione al Parlamento con le parole: "Continuerò a sollecitare l'esame della Riforma del Consiglio Superiore della Magistratura da parte dei competenti organi di governo".

Il Guardasigilli si rivolge al mondo politico che non sembra tenere affatto nella giusta considerazione la gravità di tutta la Giustizia Italiana, ed in particolare il sovraffollamento delle carceri (114%), né sia interessato all'attuazione dei provvedimenti, pur insufficienti, da lei messi in essere, cioè la riforma del codice penale, del codice civile e del regolamento penitenziario, e rischia di andare al rinnovo delle cariche del CSM a giugno con le vecchie regole, causa di infinite polemiche.

Sinistra Italiana ritiene che l'affermazione costituzionale contenuta nell'art. 27 richieda l'abbandono del giustizialismo, l'investimento nelle misure e pene alternative, il pieno coinvolgimento del mondo del volontariato rappresentato dalla Conferenza Nazionale Volontariato Giustizia. Per sostenere queste affermazioni è sufficiente ricordare che nelle modifiche al regolamento di esecuzione penitenziario sono presenti, nel 2022, alcune proposte su Sanità e Organizzazione derivanti dal progetto "Punto d'Incontro" dell'Osservatorio permanente sulle carceri delle Marche, tenutosi nel 2003.