sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

 

Ansa, 14 ottobre 2010

Allontanare in maniera radicale dall’ambiente scolastico gli studenti indagati per atti di bullismo attraverso la pena detentiva potrebbe essere controproducente. La Cassazione (sentenza 36659) ha accolto il ricorso presentato dalla difesa di due studenti di un istituto professionale indagati per reati vari di bullismo nei confronti dei quali il Tribunale per i minorenni di Potenza, disattendendo la disposizione del gip, aveva applicato la misura della custodia cautelare in attesa del processo.
Secondo la Cassazione, che ha rinviato il caso al Tribunale di Potenza, è sbagliato escludere a priori una misura cautelare diversa dal carcere, in quanto è necessario capire che effetti produce "l’allontanamento dall’ambiente scolastico in ordine al pericolo concreto di reiterazione delle condotte criminose". Nei confronti dei due studenti, all’epoca dei fatti non ancora 18enni, il Tribunale dei minorenni di Potenza, il 12 maggio scorso, aveva ravvisato una "spiccata pericolosità sociale, tale da rendere assai probabile la reiterazione di analoghi comportamenti delittuosi" legati al bullismo nei confronti dei compagni. Nel corso dell’indagine era stata sequestrata anche una pistola ad uno dei due bulli, che aveva provocato la decisione di tenerli in carcere in attesa del giudizio. La difesa dei due ha fatto ricorso con successo in Cassazione, facendo notare che il Tribunale "aveva omesso completamente di motivare sulla inadeguatezza di altre misure meno afflittive" al carcere "quali gli arresti domicliari o l’obbligo di dimora nel comune di residenza o il divieto di avvicinarsi all’istituto" aggiungendo che "dopo l’intervento della Polizia il comportamento scolastico dei due indagati era cambiato come rilevato dalla relazione della dirigente scolastica e dagli operatori dell’azienda sanitaria".
La Cassazione ha accolto la tesi difensiva dei due studenti giudicandola "fondata": "il provvedimento impugnato appare affetto dal vizio di motivaziona apparente, in quanto esclude l’adeguatezza di ogni altra misura cautelare senza una specifica indagine sugli effetti che l’allontanamento dei prevenuti dall’ambiente scolastico, con altre misure cautelari, potrebbe produrre in ordine al pericolo concreto di reiterazione delle condotte crminose". Quindi, ferma restando "la gravità del quadro indiziario", sarà ora il Tribunale di Potenza a riesaminare il caso, cercando anche di capire quali effetti può avere l’allontanamento radicale dei bulli dalla scuola.

 

- Scarica la sentenza (pdf)