sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

 

Asca, 25 maggio 2010

L’organico della Polizia penitenziaria di Teramo nei primi anni novanta contava 240 unità, il servizio degli spostamenti dei detenuti era affidato ai carabinieri e i reclusi erano circa 190. Oggi questo dato è raddoppiato è risultano circa 400 carcerati. “A questa crescita”, assicurano dal Sappe, l’organizzazione sindacale più rappresentativa del Corpo, “non è minimamente corrisposto un adeguamento dell’organico. Anzi abbiamo assistito ad una flessione continua, inarrestabile, con pericoli sempre più allarmanti per la sicurezza e con disagi e difficoltà per l’adempimento dei compiti istituzionali”.
Così, spiega il sindacato, la carenza costante ha significato “riposi e congedo ordinario non fruiti, lavoro straordinario e indennità di missione eseguito e non retribuito, accorpamenti di più posti di servizio, inconvenienti quotidiani di interi nuclei familiari, rapporti disciplinari per inadempienze inevitabili, aggressioni e violenze subite e uno stato permanente di malessere e un abbassamento costante e rischioso dei livelli minimi di sicurezza”.
Nei dieci anni di raffronto, il personale collocato in quiescenza o trasferito in altre sedi ammonta a 55 unità: “la sproporzione tra le presenze in carcere e i sorvegliati ordinari è vistosamente traumatica”, denuncia ancora il Sappe, “e diventa ancor più allarmante se si considera che ad una popolazione reclusa stanziale e permanente stabile nell’istituto fa fronte personale del Corpo che effettua orari di servizio organizzati su 3-4 turni lavorativi, nell’arco di una giornata. Vale a dire che il rapporto tra le valenze numeriche indicate si allarga in maniera macroscopica, evidenziando carenza biblica che appare incolmabile”.
Il carcere teramano scoppia per il pesantissimo sovraffollamento e per il sindacato di polizia la classe politica “assiste inerte all’implosione del sistema penitenziario, che con l’avvicinarsi dell’estate renderà certamente rovente l’istituto”. Il sindacato torna così a chieder un’integrazione dell’organico, “per fronteggiare adeguatamente le molteplici esigenze e incombenze”, il potenziamento dell’Area Educativa e Sanitaria e il sostegno di tutte le istituzioni a vario titolo, da quella regionale passando per quella provinciale e locale, “con una popolazione detenuta che comunque continuerà a crescere”.