sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

di Marco Marelli

La Regione, 9 luglio 2024

La manifestazione è stata promossa dalle Camere penali. Dal 10 al 12 luglio è previsto anche uno sciopero. Una staffetta oratoria, martedì 9 luglio dalle 10 alle 14, di fronte al palazzo di giustizia di Como, promossa dalle Camere penali per protestare contro “la condizione ormai assolutamente tragica, più ancora che drammatica, che stanno vivendo i detenuti”. All’iniziativa hanno dato la loro adesione decine di avvocati, ex magistrati, volontari e amministratori locali.

La notizia della protesta è stata fornita dall’avvocato Edoardo Pacia, presidente delle Camere penali di Como e Lecco, che sottolinea come nelle carceri italiane, Bassone compreso, vi sia una “condizione inumana che ci pone al livello di Paesi che, usualmente, definiamo, nella migliore delle ipotesi, ‘arretrati’, culminando nell’impressionante e incessante catena di suicidi dei carcerati, cui siamo costretti ad assistere a ritmi quasi quotidiani”.

Lo sciopero degli avvocati penalisti - Per tre giorni, dal 10 al 12 luglio, gli avvocati penalisti hanno indetto uno sciopero di astensione dalle udienze. Pacia: “L’obiettivo è quello di coinvolgere direttamente la cittadinanza per uscire dallo schema del pregiudizio per prendere coscienza di una realtà che ha tutt’altra natura e rispetto alla quale non possiamo voltare la faccia dall’altra parte a fronte di una risposta dell’attuale governo di progetto legislativo davvero insufficiente”.

Secondo l’avvocato “per fronteggiare l’emergenza del sovraffollamento carcerario, delle condizioni degli istituti di pena e dei suicidi che derivano da ciò”, si devono “garantire cure e assistenza ai soggetti affetti da fragilità e disagi psichici, interrompere il decorso dell’esecuzione della pena reso inumano e degradante a causa delle carenze strutturali, della mancanza di risorse umane e strumentali adeguate”. Al Bassone ci sono 200 detenuti in più rispetto a quelli per il quale è stato costruito. Così come mancano un centinaio di agenti.