sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

di Felice Florio

gnewsonline.it, 19 marzo 2022

È iniziato il ciclo di incontri “Giustizia riparativa e comunità”. Il primo degli otto appuntamenti, che si è tenuto nell’aula polifunzionale del Palazzo di Giustizia di Brescia il 18 marzo, è stato aperto da Manlio Milani della Casa della Memoria.

All’intervento del presidente dell’associazione che riunisce i famigliari delle vittime della strage di Piazza della Loggia, sono seguiti i contributi del presidente della Corte di Appello Claudio Castelli, della mediatrice del Comune di Brescia Anna Scalori e dei professori Claudia Mazzuccato e Adolfo Ceretti. Quest’ultimo ha portato l’esempio di un caso di giustizia riparativa che sta seguendo di persona in Colombia. Ha partecipato al tavolo di discussione anche il procuratore generale Guido Rispoli.

La ministra della Giustizia Marta Cartabia, presente all’evento, riferendosi alla giustizia riparativa ha affermato: “Siamo di fronte alla sfida di poter scrivere delle leggi che abbiano la capacità di accogliere al loro interno delle storie”.

Un capitolo della riforma del processo penale è dedicato proprio al tema della giustizia riparativa. Nell’intervento, la ministra ha voluto ricordare anche due vittime del terrorismo, alla vigilia dell’anniversario della loro morte: il giudice Guido Galli, ucciso il 19 marzo 1980 alla Statale di Milano, e il giuslavorista Marco Biagi, assassinato lo stesso giorno ma del 2002, a Bologna.

La ministra ha voluto rimarcare anche un’altra ricorrenza: “Un pensiero affettuosissimo alla Polizia penitenziaria. Oggi sono 205 anni dalla fondazione, uno dei corpi di polizia che più è chiamato a trasformare il suo ruolo: si trasforma la giustizia, l’esecuzione penale, la concezione del reato, della pena, a loro è chiesto sempre qualcosa di nuovo e di diverso”.

Dopo aver lasciato il Palazzo di Giustizia, la ministra si è recata in Piazza della Loggia, nel cuore di Brescia. Qui, con il sindaco del capoluogo di provincia, Emilio Del Bono, e Manlio Milani, ha reso omaggio alle vittime della strage avvenuta il 28 maggio 1974.