sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

di Damiano Aliprandi

Il Dubbio, 9 giugno 2022

Nella relazione annuale sui diritti umani e la democrazia nel mondo nel 2021 (Annual Report on Human Rights), curata dal Servizio europeo per l’azione esterna e, in particolare, dall’Alto rappresentante Ue per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Josep Borrell, non c’è nessun cenno all’ostruzionismo delle autorità egiziane verso le autorità giudiziarie italiane impegnate a fare luce sul sequestro, la tortura e l’omicidio di Giulio Regeni. Questo a differenza del rapporto del Dipartimento di Stato americano che, ogni anno, ricorda il dramma del ragazzo italiano. Un aspetto che ha segnalato Marina Castellaneta, professoressa di diritto internazionale e avvocata che collabora con il settimanale giuridico “Guida al diritto”. Tramite il suo blog dove documenta i vari rapporti tra ordinamenti e relazioni delle organizzazioni internazionali, ha segnalato che i rapporti annuali sono spesso un adempimento formale, ma forniscono chiare indicazioni sulla reale volontà di tutelare i diritti umani e la democrazia anche guardando a ciò che manca nei documenti. Ebbene, indicativa, in questa direzione, è la relazione annuale sui diritti umani e la democrazia nel mondo nel 2021, che, appunto, ha completamente omesso il caso Regeni e silenzio totale anche nell’esame specifico nella situazione dell’Egitto (rapporto Stati). “Anzi, beffa delle beffe - denuncia la professoressa Castellaneta -, nel rapporto si sottolineano i passi avanti in materia dei diritti umani dell’Egitto”. Osserva che l’inerzia, il silenzio dell’Unione europea nella più drammatica vicenda che abbia coinvolto un cittadino europeo in un Paese terzo, legato a numerosi accordi con la stessa Unione europea, non sono una novità. Solo nel rapporto del 2016 c’era un breve richiamo all’omicidio di Giulio Regeni attraverso una citazione di una risoluzione del Parlamento europeo del 16 marzo 2016. Negli anni successivi silenzio totale. Ma non solo. Nel 2019 l’Unione europea aveva acconsentito a svolgere il primo summit con la Lega araba in Egitto, a Sharm El- Sheikh. Con il Presidente egiziano Abdel Fattah Al-Sisi come co-presidente del vertice insieme all’allora presidente del Consiglio europeo Donald Tusk. In quell’occasione, poi, l’ex presidente della Commissione europea Juncker, indirizzandosi ad Al- Sisi in persona, nel suo discorso di apertura, aveva ricordato la storia comune tra Unione europea e Lega araba e il comune senso per la tutela dei diritti umani. Invece, a differenza dell’Unione europea, è il Dipartimento di Stato americano a ricordare, ogni anno, il dramma di Giulio Regeni. La professoressa Castellaneta rende noto che così ha fatto anche nel nuovo rapporto annuale sulla situazione dei diritti umani nel mondo pubblicato ad aprile 2022 e riferito al quadro nel 2021. Il Dipartimento di Stato non dimentica la tortura e l’assassinio di Giulio Regeni e, proprio con riferimento alla situazione dei diritti umani in Egitto, stigmatizza il comportamento delle autorità egiziane - che non collaborano con l’Italia nel processo ai quattro egiziani accusati del sequestro e l’omicidio di Giulio Regeni - per consentire l’accertamento della verità e la punizione dei responsabili.