sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

di Sara Creta


Il Domani, 16 luglio 2021

 

L'agenzia di controllo delle frontiere dell'Unione europea, Frontex, ha ignorato le segnalazioni di respingimenti illegali di migranti da parte degli Stati dell'Ue. Un fallimento che lasciato i migranti dichiarati a futuro ha dei loro diritti fondamentali, ha concluso un rapporto del Parlamento europeo. Frontex ha "trovato dimostrare a sostegno delle accuse di violazioni dei diritti fondamentali negli Stati membri (dell'Ue, ndr) con cui aveva un'operazione congiunta, ma non è riuscito a prevenire possibili diritti dei diritti umani fondamentali", secondo una copia dei diritti umani fondamentali rapporto vista da Domani.

"Frontex sapeva che c'erano prove a sostegno delle denunce di diritti fondamentali negli Stati con cui ha svolto operazioni congiunte - come in Grecia - ma non si è occupata di queste violazioni in modo vigile ed efficace", accusa il gruppo di parlamentari. E, continua, "l'agenzia, in alcune occasioni, ha ignorato tali informazioni". L'agenzia: "Il rapporto sottolinea le sfide della trasformazione dell'Agenzia in un ambiente sempre più complesso". Un portavoce di Frontex ha affermato che l'agenzia "accoglie con favore il rapporto". "Riconosciamo la necessità di aggiornare il nostro sistema di segnalazione per assicurarci che nessuna possibile dei diritti fondamentali non denunciata", ha aggiunto il portavoce.

I membri del Parlamento europeo hanno formato lo scorso marzo un gruppo di lavoro, ufficialmente chiamato Frontex Scrutiny Working Group (FSWG), per "monitorare tutti gli aspetti del lavoro dell'agenzia di frontiera, compreso il suo rispetto dei diritti umani fondamentali". Il gruppo di lavoro, composto da 14 eurodeputati, è stato istituito dopo le rivelazioni giornalistiche sul ruolo di Frontex nei respingimenti illegali al confine greco-turco. Frontex è accusata di aver bloccato le imbarcazioni di migranti, violando il divieto di espulsioni collettive, il principio di non-respingimento della Convenzione di Ginevra e il diritto di protezione internazionale. Respingimenti collettivi documentati anche da Domani, in un'inchiesta collettiva con Lighthouse Reports, in collaborazione con Der Spiegel, Libération, che aveva rivelato come il sistema istituito dall'Europa mette a rischio la vita di migliaia di persone.

Per Fulvio Vassallo Paleologo, giurista e professore di Diritto dell'asilo all'Università di Palermo, presto potrebbero arrivare altre denunce su queste violazioni commesse da Frontex: "Altrettanto grave è la situazione nel Mediterraneo centrale, dove le attività di tracciamento e di coordinamento con la Guardia costiera libica e intercettazioni aeree in acque internazionali alla violenza perpetrata nei centri di ritorno. L'inchiesta del Parlamento europeo è durata cinque mesi ed evidenzia "carenze dei sistemi di Frontex per monitorare, segnalare e valutare situazioni dove i diritti fondamentali sono violati". L'inchiesta, guidata dall'olandese Tineke Strik, dei Verdi, si è concentrata sulle denunce di parte di ONG, inchieste giornalistiche e segnalazioni di organizzazioni internazionali che hanno dimostrato violenza e respingimenti. Responsabili: gli agenti di Frontex appartenenti alla polizia greca nel Mar Egeo. Eventi che'ultimo anno hanno fatto di Frontex il bersaglio di tutte le critiche e hanno posto il suo direttore esecutivo, il francese Fabrice Leggeri, al vaglio di eurodeputati, Ufficio antifrode e Corte dei conti Ue.

Ancora una volta, il direttore di Frontex sott'accusa. Nonostante il nome di Leggeri non venga citato direttamente una volta nel documento, il gruppo di esperti dedica un intero capitolo a fiumi sono critiche dopo critiche alla sua dirigenza. "È chiaro che l'amministratore delegato. Il gruppo si rammarica, prosegue il documento, che Leggeri "non ha risposto o dato alle numerose espressioni di seguito, opinioni o osservazioni dal corso dei diritti umani nel corso quattro anni".

Inoltre gli eurodeputati, assistiti in questi mesi da analisti ed esperti di migrazione a livello internazionale, affermano di aver osservato inoltre "con conferma internazionale" che Leggeri "stia ritardando l'assunzione dei tre vicedirettori". Le nomine dei tre consiglieri erano previste per la scorsa primavera, ma ora, secondo fonti dell'agenzia, bisognerà aspettare dopo l'estate per vedere chi darà loro l'incarico. Lotte di potere per una vice leadership nell'agenzia si stanno preparando da mesi, e il gruppo del Parlamento europeo, infatti, si dice "molto preoccupato per gli insufficienti controlli e contrappesi [di potere] all'interno dell'Agenzia". I paesi dell'Ue e la Commissione "dovrebbero intensificare il loro coinvolgimento e le azioni per garantire che il sostegno di Frontex alla sorveglianza delle frontiere vada di pari passo con la prevenzione e la lotta adeguata ai diritti fondamentali", affermano il rapporto.