sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

di Floriana Rullo

Corriere di Torino, 6 novembre 2022

La vittima è un ragazzo di origine magrebina senza fissa dimora. Stava tentando di fuggire dai carabinieri dopo essere stato sorpreso a rubare all’interno della farmacia comunale del paese di Dormelletto quando è stato travolto da un treno merci.

Hamza aveva solo 17 anni e non voleva finire in carcere. Ci era già stato in passato. Il giovane era già conosciuto alle forze dell’ordine per piccoli precedenti analoghi ma aveva continuato a mantenere la stessa condotta. Per questo, una volta bloccato dai militari, ha tentato di divincolarsi e di nascondersi tra i binari dei treni della stazione della città novarese, alle porte di Arona, sul lago Maggiore. Non si è però accorto stesse passando il treno merci che lo ha investito e ucciso.

Il giovane magrebino e senza fissa dimora, era riuscito poco prima ad entrare nell’attività chiusa per la notte con un altro complice di 22 anni. Avevano in mente di mettere a segno il furto e poi fuggire. Ma appena entrati nel negozio sono bastati pochi attimi per far scattare l’allarme e fare arrivare così i carabinieri sul posto. Alla vista dei militari i due giovani hanno tentato di fuggire ma sono subito stati fermati dopo essere stati individuati vicino ai binari.

Il più grande aveva già anche le manette ai polsi. I carabinieri stavano procedendo anche con Hamza quando il rumore del treno ha sorpreso tutti. È stato proprio in quel momento, mentre gli altri erano distratti, che il diciassettenne è riuscito a divincolarsi e fuggire di nuovo. Pochi passi sui binari fatti proprio mentre arrivava il treno. Uno dei due carabinieri, vicino al giovane, ha tentato anche di trattenerlo e salvarlo ma il 17enne è stato travolto sotto i loro occhi dal convoglio che si è accorto della sua presenza solo all’ultimo e non ha potuto fare nulla per evitarlo.

Sul posto, oltre ai militari di Arona, anche il personale del 118 che ha tentato il tutto di tutto per salvarlo. Ma per il 17enne ma non c’è stato nulla da fare: era già morto sul colpo a causa del trauma riportato. Sotto choc anche il macchinista. Anche lui è stato aiutato dai sanitari e portato in ospedale per le cure del caso mentre la linea ferroviaria è stata chiusa in attesa del medico legale che ha constatato il decesso della vittima.