sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

Ristretti Orizzonti, 17 giugno 2022

Il ragazzo deceduto si chiamava Muhamed Elhabchi, di nazionalità marocchina, aveva 26 anni. Aveva scontato quasi 4 anni e gli mancavano 2-3 mesi per finire la condanna. Ha cominciato a sentirsi male verso le 17.00 del 15.06.2022. Dopo le urla dei detenuti è arrivato il medico dopo 40 minuti. Lo ha guardato e ha chiamato le barelle che non sono mai arrivate. È andato giù e dopo è salita con la faccia pallida una dottoressa in evidente difficoltà.

Dopo 1 ora è arrivata la Croce Rossa, hanno provato a fare la rianimazione cardiaca alle 19.40. il ragazzo pare sia deceduto in carcere, però è stato detto che era vivo e che ci avrebbero fatto sapere notizie dall’ospedale.

Dopo 2 ore circa ci hanno detto che il ragazzo non ce l’ha fatta ed è deceduto. Dopo tutto questo hanno chiuso i campanelli d’allarme che avevamo acceso tutti noi. Dei detenuti qualcuno è svenuto, qualcuno si è tagliato. Il ragazzo non aveva nessuna malattia, non fumava, assumeva terapie per dormire.

L’unica ipotesi che ha provocato la morte, (dicono i suoi compagni), potrebbe essere l’assunzione d’un miscuglio di farmaci diversi probabilmente non prescritti da un medico.

Tutti i ragazzi di quella sezione sostengono che se fossero arrivati i soccorsi giusti e in tempi giusti Muhamed sarebbe ancora vivo e fra 2 mesi avrebbe potuto riprendersi la sua vita in libertà a soli 26 anni e con una lunga vita davanti.