sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

di Mimmo Gangemi

Il Dubbio, 15 marzo 2022

In un talk show, alla domanda di un giornalista su quale sia il bilancio nel contrasto della Giustizia alla ‘ ndrangheta, un noto procuratore antimafia ha risposto: “pareggio”. Beh, il pareggio crea perplessità, a fronte delle numerose operazioni di polizia che hanno comportato il carcere e il giudizio del tribunale per migliaia di malavitosi, veri e presunti.

Il pareggio, parafrasando il calcio, potrebbe significare che si tira in porta senza centrarla, che gli attaccanti fanno cilecca, non sono all’altezza. O che la ‘ ndrangheta dispone di un’ottima difesa, da riuscire a respingere gli assalti. Quest’ultima ipotesi stride però con le migliaia di arresti, con le file quindi indebolite. Perciò, o la prima o la variante che la ‘ ndrangheta possa contare su un numero impressionante di affiliati, con panchinari, intesi riserve, che vanno a sostituire i titolari finiti al gabbio. Certo è che esiste un contrasto evidente tra le dichiarazioni degli addetti ai lavori secondo cui da decenni si starebbero infliggendo colpi mortali alla ‘ ndrangheta e la loro stessa ammissione che essa è sempre più forte, più organizzata e più potente, e che aumenta il peso sul territorio, allarga i tentacoli in tutta Europa.

Per capire occorre analizzare i numeri. Il procuratore, in un’altra intervista, ha stimato in 40 mila gli adepti. E la cifra è in contrasto con i dati della relazione semestrale del Ministero dell’Interno, Direzione Investigativa Antimafia, stilata nel giugno 1997, un periodo nel quale, a rigor di logica, il fenomeno era più sviluppato - nei 25 anni trascorsi la civiltà sarà pure avanzata. Vi si legge: “La provincia di Reggio Calabria, dal punto di vista numerico, presenta la situazione potenzialmente più grave in quanto registra la percentuale di 1 affiliato ogni 165 residenti”. Essendo la popolazione del reggino pari a 548 mila, deriverebbero 3.321 affiliati, corrispondenti allo 0,606%. Se si allarga all’intera regione, su 1.947.000 abitanti gli affiliati diventerebbero 11.799. Mentre per il reggino, per il vibonese e in parte per il crotonese la percentuale a naso appare in difetto, per il resto della regione, no, più facile sia in eccesso. E il dato complessivo diventa attendibile. In tutti i casi, anche ad aggiungere i fiancheggiatori e i collusi non organici, ugualmente si resterebbe molto al di sotto dei 40 mila prospettati. Verrebbe da credere ai malevoli che vogliono ci sia chi ha interesse a ingigantire il mostro ‘ndrangheta, che mostro è, perché, in questo modo, si ingigantiscono le carriere, i meriti, le decorazioni, le stellette, si soddisfa l’ego e la vanità, di più se si colpisce in alto, su nomi altosonanti - troppo capita su personaggi poi risultati innocenti ma ormai rovinati e con ombre addosso che rimarranno appiccicate per sempre; e non è un caso che tante brillanti carriere siano decollate proprio da quaggiù. Se così, si massacra la Calabria, e i calabresi, penalizzando molto oltre i reali demeriti.

Detto questo, resta in piedi solo l’ipotesi che non sono adeguati l’attacco e il contrasto. Li si vende bene alla nazione e però non funzionano. Non c’è l’efficienza spacciata. Le grandi operazioni di polizia, esaltate con conferenze stampa, per fortuna ora impedite e che in buona misura anticipavano un giudizio di colpevolezza non di competenza, hanno sì inferto batoste pesanti alle cosche e tuttavia hanno trascinato nel baratro una pletora di innocenti, stimabili nel 50% degli incriminati - e per lo più sbattuti in carcere - con punte del 90%. Errori giudiziari di tale portata avvengono soltanto in Calabria. Per averne contezza, basta analizzare l’operazione Infinito- Crimine sviluppata tra la Lombardia e la Calabria, con lo stesso numero di arresti - 163 in ciascuna delle due regioni. In Infinito (Lombardia) l’incidenza di innocenti emersa nei processi è dell’8,7%. In Crimine (Calabria) essa è del 47,6%. Da indurre il pensiero che in fase istruttoria si utilizzino criteri diversi, che in Calabria la libertà, lo Stato di diritto e i principi della Costituzione non abbiano la stessa valenza che in Lombardia, che, pur di abbattere la ‘ ndrangheta, qui si lancino le reti a strascico, a chi piglia piglia, senza badare ai danni collaterali. I numeri non mentono: se l’8,7% di innocenza maltrattata, pur riprovevole, può infatti essere un fatto umano, fisiologico, non così il 47,6%. A ulteriore riprova, l’operazione Aemilia, avvenuta in Emilia Romagna, con 239 imputati e una percentuale di innocenti del 19,8%, non brillante quanto in Infinito ma nemmeno disastrosa quanto in Crimine.

L’Italia, per essere giudice severo, si fa bastare le grancasse e i tamburi suonati allo spreco dopo le manette. Perché non conosce i risultati finali, non riceve notizie sulle inchieste che, in fase cautelare e giudicante, si sgonfiano più delle caramelle aspromontane alla chiusura del suono. È infatti facile reperire i dati degli arresti - ci pensano i media, con strombazzamenti impressionanti. È invece complicato trovare i numeri degli esiti processuali, con i giornalisti nazionali che abbassano la saracinesca e li tacciono e certuni locali, di carta e non, prostituiti da adoperare nell’attacco dell’articolo il cliché servile “Regge il quadro accusatorio della procura”, salvo poi scoprire che i tre gradi di giudizio hanno lasciato nella polvere le carcasse di un esercito di poveri cristi immolati all’ignoranza, alla superficialità, a disegni diversi dalla Giustizia. E proliferano i professionisti dell’antimafia, con organizzazioni leste a infilare in tasca i contributi da destinare alla trincea, con pubblici ministeri troppo smaniosi di manette - sono pochi ma incidenti, i più lavorano con merito al riparo di un’ombra che però li penalizza - con giornalisti asserviti e imboccati.

Il risultato è che la popolazione aggiunge alla paura della ‘ ndrangheta quella per la giustizia - una paura certamente diversa, e tuttavia paura - e che l’innocenza maltrattata finisce con l’indebolire la Giustizia, con il farle perdere credibilità in una terra dove la credibilità è un elemento essenziale per guadagnarsi la fiducia e indurre a ricorrere alla Legge di fronte a un sopruso.