sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

www.cn24tv.it, 11 gennaio 2015

 

Un detenuto, proveniente dall'Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina), avrebbe aggredito violentemente un agente di polizia penitenziaria che è dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso. Il fatto, che è avvenuto ieri, sabato 10 dicembre, intorno alle 14.30 nel carcere di Arghillà (Reggio Calabria) è stato denunciato da Angelo Macedonio, Segretario Regionale del sindacato degli agenti penitenziari, il Sippe.

Secondo la ricostruzione fornita da Macedonio il detenuto, dopo aver effettuato una telefonata, si sarebbe improvvisamente scagliato contro l'agente del reparto, procurandogli delle contusioni multiple al torace e al polso destro; ferite considerate guaribili in cinque giorni. Grazie all'intervento di un altro agente, è stato possibile chiamare i rinforzi e calmare l'uomo.

"Il Carcere di Arghillà - affermano dal Sippe - doveva essere il fiore all'occhiello dell'Amministrazione Penitenziaria ma, a quanto pare, non può considerarsi tale vista la gravissima carenza del personale che non consente una gestione ottimale della struttura. Il carcere ... infatti, ospita 220 detenuti uomini e 38 detenute donne che vengono gestiti solo da 85 poliziotti penitenziari, molti dei quali distaccati da altri istituti".

"Questo carcere - aggiunge il segretario Macedonio - inaugurato nel 2013, fu definito una 'struttura di civiltà' ma ogni giorno, proprio per la grave carenza di risorse umane, i poliziotti sono costretti a lavorare 12 ore al giorno e vedere sacrificati i loro diritti di lavoratori".

Il Sippe, nei prossimi giorni, invierà una nota alle autorità competenti per chiedere quali iniziative si intendano adottare per scongiurare che il penitenziario "possa trasformarsi in una polveriera", così come - conclude il segretario del sindacato - "quello di Velletri (Roma) dove quasi ogni giorno si registrano gravi eventi critici".