sito

storico

Archivio storico

                   5permille

   

di Enrico Spaccini

fanpage.it, 9 luglio 2024

Un 57enne si è tolto la vita nella sua cella nel carcere Miogni di Varese. Stando a quanto appreso, l’uomo era italiano e si sarebbe suicidato impiccandosi nella notte tra lunedì 8 e martedì 9 luglio. Con problemi di tossicodipendenza, il detenuto era stato arrestato lo scorso settembre per furto. Il 57enne, inoltre, era coinvolto nell’inchiesta di Pianbosco del 2018 sulla morte di un 25enne in seguito a uno scontro tra bande rivali legate al mondo dello spaccio.

Quello che riguarda il 57enne a Varese è il 56esimo suicidio di persone detenute nelle carceri italiane. L’ultimo che ha riguardato una casa circondariale lombarda è avvenuto solo il 4 luglio scorso, al Torre del Gallo di Pavia. In quel caso, a togliersi la vita è stato Yousef Hamga, un 19enne di origine egiziana che ha usato un lenzuolo della sua cella. Il ragazzo, che in quel momento si trovava nella sezione dedicata all’osservazione isolati, era stato soccorso da un agente della polizia penitenziaria che stava effettuando un giro di controllo. Trasportato d’urgenza in condizioni disperate al Policlinico San Matteo di Pavia, è deceduto dopo pochi giorni di ricovero nel reparto di Rianimazione.

Sulla morte di Hamga è stata avviata un’indagine interna al carcere che cercherà di ricostruire tutti gli elementi che hanno portato il giovane a togliersi la vita. Pare, infatti, che il 19enne avesse manifestato da tempo sintomi di disagio psicologico. Non è chiaro, però, se il ragazzo stesse seguendo o meno una terapia adeguata.